Come coinvolgere gli studenti (e farli imparare davvero)

Coinvolgere gli studenti è diventata ormai un'impresa, più che un lavoro. Se sei un professore o un insegnante ti sarai reso conto di combattere una lotta impari, trovandoti di fronte ragazzi e ragazze insofferenti verso le forme di educazione tradizionale, giudicate (forse non a torto) obsolete e infruttuose. Basta dare uno sguardo alle statistiche e agli articoli in tema per rendersi conto di quanto sia difficile ma al tempo stesso fondamentale riuscire a coinvolgere gli studenti e farli imparare. Le cause dell'attuale scenario sono molteplici e correlate fra loro: in linea generale possiamo affermare che, rispetto a una volta, la figura del maestro ha perso potere e autorità, mentre i giovani sono diventati, se così vogliamo definirli, più ribelli, indisposti e distratti.

Ma questa potrebbe suonare come una lettura superficiale. A ben guardare, il problema vero sembra risiedere nel “sistema” di insegnamento stesso, legato a logiche anacronistiche, incapaci di produrre uno stimolo reale nello studente. Domandiamoci ad esempio perché, secondo una ricerca condotta dall'azienda Deloitte e ripresa da Orizzontescuola, uno studente su tre crede che lo studio e la scuola siano inutili. Cosa impareranno questi giovani una volta usciti dall'istituto se loro per primi non credono in ciò che fanno? Immagino che ognuno possa rispondere. In un quadro così drammatico bisogna fare subito qualcosa, tornando subito a coinvolgere e motivare gli studenti, riconoscendo i loro merito e premiando i loro sforzi al di là del semplice voto. Eccoti qualche consiglio per correre ai ripari:

 

Combatti la noia e rompi gli schemi

A scuola si sta seduti davanti a un banco, si legge dai libri e si ripete davanti alla lavagna. Questo ci hanno insegnato, ma non per forza deve funzionare così in eterno. Rompere di tanto in tanto gli schemi potrebbe aiutare a sbloccare anche lo studente più svogliato: prova a uscire in giardino quando il tempo lo permette e noterai all'istante come lo spazio esterno porti benefici significativi a ogni livello. La scuola non ha un cortile? Allora sposta le sedie creando un cerchio e inizia la lezione seduto come gli altri studenti. Per interrompere la spirale della noia, a volte, è sufficiente un piccolo sforzo.

 

Declina la materia secondo gli interessi di ciascuno

Ogni studente è diverso e nutre interessi specifici, che variano in base all'età, al background, ai gusti personali. Insegnare a tutti la stessa materia non è per forza la strategia migliore. Dedica qualche ora alla conoscenza degli hobby e delle abitudini dei tuoi studenti e rifletti su come le nozioni inerenti alla storia, alla geografia o all'italiano potrebbero essere personalizzate. Una lezione di italiano in stile rap, un test di matematica con gli scacchi o un approfondimento di geografia basato sulla pittura sono solo alcune idee per coinvolgere studenti di solito più restii a partecipare.

 

Utilizza telefonini, tablet e PC per insegnare

Vietare l'uso dei telefonici o di altri device in classe è una delle più grandi ipocrisie contemporanee. Certo, sarebbe inconcepibile permettere allo studente di farsi gli affari propri durante la lezione (cosa che del resto succede già senza tanto scandalo), ma non per questo bisogna mettere al bando il telefonino, il tablet o il PC senza soffermarsi sul loro potenziale. Come insegnante, hai il dovere non di punire, ma di rendere lo studente consapevole dei rischi e dei vantaggi di uno strumento. Prova a lanciare una sfida in cui inviti gli studenti, cellulare alla mano, a completare una ricerca su un determinato argomento. Il coinvolgimento potrebbe schizzare alle stelle in meno di un minuto, trasformando l'ennesimo tentativo di lezione fallito in un'occasione per imparare con profitto.

 

Organizza contest e quiz tematici

E veniamo all'ultimo dei suggerimenti per coinvolgere gli studenti. Avrai forse sentito parlare di contest come il Cervellone o come High School Game. Si tratta di quiz multimediali interattivi a cui partecipano classi e scuole superiori: intere giornate, singole serata o week end che incentivano al confronto, al gioco di squadra, alla (sana) competizione, alla socializzazione tra studenti. Vi abbiamo già sottoposto in un altro articolo del blog alcuni esempi di contest per studenti, qui aggiungiamo solo che quiz tematici e concorsi di questo genere rappresentano per gli studenti opportunità non solo di vincere premi in denaro significativi, ma anche di cambiare in maniera radicale la percezione della scuola, tornando a credere in una forma di apprendimento efficace, proficua e divertente. Qualunque insegnante può proporre alla propria scuola un contest: perché non provare?

24 ottobre 2018


Altre news

High School Game ottiene il patrocinio CONI

High School Game, l’innovativo..

High School Game, parte oggi il Business English Contest

La nuova stagione di High School Gam..

High School Game, Tappa lucana per le semifinali 2019

Tappa lucana questa mattina per le s..

High School Game, a Caserta la semifinale zonale 2019

Quest'oggi tappa a Caserta per le se..

High School Game, svolta a Salerno la semifinale campana

Continuano le semifinali LIVE 2019 d..

Travel Game, sold out la prima data 2019 per Barcellona

Sono quasi 1300 gli studenti che han..

FAM Trip Travel Game 17-20/11: il resoconto del viaggio

Conclusa la piacevole esperienza del..

High School Game, al via la nuova edizione 2019

Dopo il successo registrato nelle pa..