Cyberbullismo, razzismo, violenza negli stadi: i tuoi ragazzi che ne pensano?

Educare i ragazzi e prepararli per la vita adulta: è questa la sfida più difficile di oggi. A scuola come nei club di calcio, i più giovani devono affrontare mille pericoli a cui non sempre riescono a fare fronte da soli. Il cyberbullismo, ad esempio, è una piaga che ha raggiunto proporzioni preoccupanti. E così per quanto riguarda fenomeni di razzismo tra coetanei. Forme di violenza che i ragazzi e le ragazze vedono ogni giorno intorno a loro, non da ultimo in quel tempio del calcio che dovrebbe essere lo stadio.

In questo scenario il ruolo degli allenatori e dei dirigenti sportivi assume un peso cruciale. È anche grazie a loro, oltre che ai genitori e agli insegnanti, che i giocatori più piccoli capiscono cosa è giusto e cosa è sbagliato. Comportamenti scorretti, atti di prevaricazione e violenze gratuite possono essere individuati dagli adulti e fermati per tempo. Ma come fare prevenzione? Basta chiedere ai ragazzi cosa pensano del cyberbullismo, del razzismo e della violenza negli stadi? O bisogna agire in prima persona a livello educativo e formativo?

Questioni così importanti non si possono affrontare certo a posteriori: bisogna adottare strategie ben precise, in grado di coinvolgere i giovani e trasmettere loro valori essenziali come la sana competizione, la disciplina, il rispetto reciproco, la meritocrazia. Molto validi si sono dimostrati in questo senso gli strumenti della gamification, tra i pochi sistemi che i giovani apprezzano e condividono nella vita di tutti i giorni. Partecipare a un contest multimediale interattivo o scaricare nel proprio smartphone una web app capace di mettere a confronto i player e veicolare contenuti formativi rappresentano due fra le principali soluzioni che Wicontest mette a disposizione di club sportivi, federazioni, associazioni dilettantistiche e scuole di calcio. Scopri i vantaggi di Goal Game Junior!


GOAL GAME JUNIOR: IL MODO MIGLIORE PER DIVERTIRSI IMPARANDO

Se sei arrivato a leggere fin qui è perché, come allenatore o come dirigente sportivo, hai a cuore il benessere dei tuoi ragazzi e desideri dare ai genitori maggiori garanzie in termini di tutela e supervisione dei figli. Il modo migliore come abbiamo visto è la gamification, e in particolare l'ormai celebre e apprezzato torneo di Goal Game Junior, vera e propria sfida multimediale interattiva che ogni anno coinvolge centinaia di giovani giocatori di calcio dagli 8 ai 16 anni in tutte le maggiori province italiane. Partecipare con la propria squadra a Goal Game Junior significa unire formazione, apprendimento, meritocrazia, coinvolgimento e socializzazione in un'unica esperienza di gioco all'altezza delle moderne abitudini dei millennials.

Per giocare non serve alcune preparazione, né occorre versare una quota di iscrizione, e non bisogna stravolgere la preparazione atletica. Ogni evento mescola domande e quiz sulle regole del calcio, sui campionati, sulla storia di questa bellissima disciplina, ma anche sulla sana alimentazione, sul cyberbullismo e su temi di educazione civica fondamentali. E per alimentare la fiducia in se stessi e premiare il merito sono previsti tantissimi premi fra cui una mini crociera di 4 giorni a Barcellona con ingresso incluso al leggendario stadio Camp Nou per la prima squadra classificata e come i buoni Amazon per la seconda e terza classificata. Leggi la scheda completa del contest o compila il form di contatto per ricevere senza alcun impegno maggiori informazioni!

29 gennaio 2019


Altre news

Concluso con successo Goal Game on Board

Goal Game on Board, il Viaggio-..